Il caffè alla Salentina

Caffè alla Salentina

Il caffè alla salentina è una rivisitazione del caffè in ghiaccio leccese: gelato alla mandorla affogato nel caffè e decorato con lamelle di mandorla tostate.Il caffè in ghiaccio fu inventato da Antonio Quarta a Lecce negli anni ’50: invece di servire durante l’estate il caffè fatto raffreddare in frigorifero, Quarta serviva ai suoi clienti un caffè appena fatto, raffreddato con cubetti di ghiaccio appena presi dal freezer, che manteneva intatto il suo aroma e non rischiava di inacidirsi. Inoltre per dolcificare il caffè veniva usato il latte di mandorla.Il nostro caffè alla salentina si ispira a questa antica ricetta: noi abbiamo aromatizzato del gelato fior di latte con pasta e latte di mandole e una volta pronto, affogato due palline in una tazzina di caffè e decorato con mandole tostate.Il caffè alla salentina è un dolce fresco adatto per terminare un pasto in dolcezza. 

Ingredienti:

Caffè a lamelle 160ml

Mandorle a lamelle q.b.

Gelato fior di latte 500gr

Latte di mandorle 500ml

Pasta di mandorle 100gr

 

Preparazione:

Per preparare il caffè alla salentina, ponete in una ciotola la pasta di mandorle e il latte di mandorle e stemperateli con una frusta. Aggiungete il gelato fior di latte e amalgamatelo agli altri ingredienti. Dovrete ottenere un composto morbido e omogeneo che riporrete in un contenitore ermetico e farete compattare in freezer per una notte. Tostate le lamelle di mandorla disposte su di una placca, rivestita con carta da forno, per 1 minuto in forno statico a 200°. Una volta che il gelato sarà compatto, preparate il caffè con la caffettiera. Per ottenere un ottimo caffè, riempite la caldaia della vostra caffettiera con l’acqua fredda e possibilmente povera di calcare facendo ben attenzione a non superare la valvola di sicurezza (altrimenti otterrete un caffè più lungo). Riempite il filtro con il caffè macinato formando una montagnetta che livellerete battendo il filtro sul tavolo con movimenti decisi. Non pressate con il cucchiaino, nè operate fori sulla superficie. Chiudete la caffettiera molto stretta, così che il caffè non fuoriesca dai lati mentre sale, e ponetala su una fiamma bassa e costante per ottenere un caffè corposo. Man mano che il caffè sale si formerà una schiumetta densa: vi consigliamo di non lasciar gorgogliare troppo a lungo il caffè per mantenere intatta la sua dolcezza e il suo aroma. Il vostro caffè è pronto: prima di utilizzarlo mescolatelo direttamente nella moka con un cucchiaino per rendere il caffè più omogeneo. Formate due palline di gelato fior di latte alla mandorla  e sistematele in un bicchiere di vetro medio. Versate 30 ml di caffè nel bicchiere e decoratelo con le lamelle di mandorle tostate. Ecco il vostro caffè alla salentina!