Il caffè alla Salentina

Caffè alla Salentina

Il caffè alla salentina è una rivisitazione del caffè in ghiaccio leccese: gelato alla mandorla affogato nel caffè e decorato con lamelle di mandorla tostate.Il caffè in ghiaccio fu inventato da Antonio Quarta a Lecce negli anni ’50: invece di servire durante l’estate il caffè fatto raffreddare in frigorifero, Quarta serviva ai suoi clienti un caffè appena fatto, raffreddato con cubetti di ghiaccio appena presi dal freezer, che manteneva intatto il suo aroma e non rischiava di inacidirsi. Inoltre per dolcificare il caffè veniva usato il latte di mandorla.Il nostro caffè alla salentina si ispira a questa antica ricetta: noi abbiamo aromatizzato del gelato fior di latte con pasta e latte di mandole e una volta pronto, affogato due palline in una tazzina di caffè e decorato con mandole tostate.Il caffè alla salentina è un dolce fresco adatto per terminare un pasto in dolcezza. 

Ingredienti:

Caffè a lamelle 160ml

Mandorle a lamelle q.b.

Gelato fior di latte 500gr

Latte di mandorle 500ml

Pasta di mandorle 100gr

 

Preparazione:

Per preparare il caffè alla salentina, ponete in una ciotola la pasta di mandorle e il latte di mandorle e stemperateli con una frusta. Aggiungete il gelato fior di latte e amalgamatelo agli altri ingredienti. Dovrete ottenere un composto morbido e omogeneo che riporrete in un contenitore ermetico e farete compattare in freezer per una notte. Tostate le lamelle di mandorla disposte su di una placca, rivestita con carta da forno, per 1 minuto in forno statico a 200°. Una volta che il gelato sarà compatto, preparate il caffè con la caffettiera. Per ottenere un ottimo caffè, riempite la caldaia della vostra caffettiera con l’acqua fredda e possibilmente povera di calcare facendo ben attenzione a non superare la valvola di sicurezza (altrimenti otterrete un caffè più lungo). Riempite il filtro con il caffè macinato formando una montagnetta che livellerete battendo il filtro sul tavolo con movimenti decisi. Non pressate con il cucchiaino, nè operate fori sulla superficie. Chiudete la caffettiera molto stretta, così che il caffè non fuoriesca dai lati mentre sale, e ponetala su una fiamma bassa e costante per ottenere un caffè corposo. Man mano che il caffè sale si formerà una schiumetta densa: vi consigliamo di non lasciar gorgogliare troppo a lungo il caffè per mantenere intatta la sua dolcezza e il suo aroma. Il vostro caffè è pronto: prima di utilizzarlo mescolatelo direttamente nella moka con un cucchiaino per rendere il caffè più omogeneo. Formate due palline di gelato fior di latte alla mandorla  e sistematele in un bicchiere di vetro medio. Versate 30 ml di caffè nel bicchiere e decoratelo con le lamelle di mandorle tostate. Ecco il vostro caffè alla salentina!

Caffè shakerato

Caffè shakerato

Quando fa molto caldo, bere un caffè shakerato, può essere una rinfrescante alternativa al solito caffè nero bollente, che, specialmente dopo i pasti, sembra proprio necessario: ecco quindi una ricetta semplice e veloce per preparare un piacevole e freschissimo caffè shakerato.
Il caffè shakerato viene preparato inserendo in uno shaker dei cubetti di ghiaccio, zucchero liquido e caffè; esistono molte varianti ed aggiunte a questa ricetta, poiché ogni persona (o barman) lo prepara secondo i propri gusti e aggiunge il proprio ingrediente “segreto”. Nella preparazione del caffè shakerato è importante utilizzare dello zucchero liquido, perché quello semolato potrebbe non sciogliersi completamente a causa del freddo; un ‘ altra piccola pignoleria per un rendimento ottimale, è quella di preparare i cubetti di ghiaccio utilizzando la stessa acqua usata per preparare il caffè. Nel caso l’ acqua del rubinetto risulti molto dura e calcarea è il caso di usare dell'acqua minerale in bottiglia per non alterare il sapore del caffè shakerato. Il caffè shakerato può essere inoltre aromatizzato, a seconda dei gusti, con una spruzzata di liquore: c’è chi usa il liquore alla vaniglia, chi l’anice, chi un qualche tipo di amaretto, e infine, quello che per molti versi risulta essere la più sfiziosa, è la crema al whisky.

 

Ingredienti:

Caffè espresso bollente 2 tazzine

Zucchero di canna liquido 3 cucchiai

Ghiaccio 8-10 cubetti

 

Preparazione:

Mettete in freezer due doppie coppe Martini. In uno shaker inserite 8/10 cubetti di ghiaccio, unite  3 cucchiai di zucchero di canna liquido, (per ottenere un caffè moderatamente dolce) e, subito dopo  versate le due tazzine di caffè espresso bollente (fatelo leggermente lungo). E’ importante che mettiate  gli ingredienti nello shaker in quest’ordine e che vi prepariate a shakerare immediatamente dopo aver inserito il caffè bollente; questo per evitare che il caffè, restando troppo tempo nello shaker senza essere agitato, con il suo calore sciolga eccessivamente  il ghiaccio, causando una minore formazione della tipica   e compatta schiuma. Chiudete quindi lo shaker ed agitate energicamente per 10 secondi;  versate il caffè shakerato nelle doppie coppe Martini filtrandolo con uno strainer (o con un cucchiaino) per impedire ai pezzi di ghiaccio di finire nei bicchieri. 

 

Caffè Napoletano

Caffè Napoletano RicettaMolti bar di Napoli offrono, oltre al profumato e corposo caffè tradizionale, anche un gustoso caffè alla nocciola. Ecco la nostra ricetta per fare in casa questo goloso caffè napoletano alla nocciola! Per preparare il caffè napoletano basterà realizzare una crema alla nocciola con panna e pasta di nocciole, che una volta fredda va montata per ottenere una consistenza come una mousse. Il caffè, rigorosamente con la caffettiera, viene quindi servito in bicchieri di vetro e sormontato da questa soffice e spumosa crema alla nocciola. Il caffè napoletano è una coccola golosa da concedersi in qualsiasi momento della giornata!

 

Ingredienti:

Panna fresca liquida 100ml

Nocciole in pasta 40gr

Caffè 180ml

Caffè in polvere per decorare

Zucchero sciroppo 40gr

 

Preparazione:

Per preparare il caffè napoletano, iniziate a realizzare la crema alla nocciola: riscaldate la panna in un pentolino e aggiungete la pasta di nocciola, che dovrà sciogliersi. Unite anche lo sciroppo di zucchero, mescolate con una frusta per amalgamare, quindi trasferite il composto in una ciotola e fate raffreddare a temperatura ambiente. Una volta fredda, coprite la crema con un foglio di pellicola e lasciatela riposare in frigorifero anche per una notte. Quando sarà ben fredda, aggiungete 20 ml di caffè freddo e montate la crema alla nocciola con uno sbattitore elettrico. Riponetela in frigo a riposare. Preparate intanto il caffè con la caffettiera: per ottenere un ottimo caffè, riempite la caldaia della vostra caffettiera con l’acqua fredda e possibilmente povera di calcare facendo ben attenzione a non superare la valvola di sicurezza (altrimenti otterrete un caffè più lungo). Riempite il filtro con il caffè macinato formando una montagnetta che livellerete battendo il filtro sul tavolo con movimenti decisi. Non pressate con il cucchiaino, nè operate fori sulla superficie. Chiudete la caffettiera molto stretta, così che il caffè non fuoriesca dai lati mentre sale, e ponetela su una fiamma bassa e costante per ottenere un caffè corposo. Man mano che il caffè sale si formerà una schiumetta densa: vi consigliamo di non lasciar gorgogliare troppo a lungo il caffè per mantenere intatta la sua dolcezza e il suo aroma. Il vostro caffè è pronto: prima di utilizzarlo mescolatelo direttamente nella moka con un cucchiaino per rendere il caffè più omogeneo.Una volta pronto, versate 40 ml di caffè in ogni bicchierino di vetro e aggiungete 30 ml di crema alla nocciola. Infine decorate il bicchiere con un pizzico di caffè in polvere: ecco pronto il vostro caffè napoletano!